Crea sito
Home The Land's Blog ... Diamoci da Fare... Lotta Biologica e Rimedi Naturali Contro la Dorifora

Lotta Biologica e Rimedi Naturali Contro la Dorifora

E-mail Stampa PDF

Dorifora mi mangia la melanzanaAlfine giunse l’oscura minaccia alla felicità e grassezza dell’uomo. Divoratrice  insaziabile di patata e melanzana su tutte, distrugge la parte verde delle piante che diventano  incapaci di far zucchero e nutrirsi: si tratta della Leptinotarsa Decemlineata, per gli amici (purché ne abbia) Dorifora!

Un’insetto neanche tanto brutto, lungo un centimetro o poco più, con corazza liscia di colore giallo-arancio che forse avrete già visto sulla patata o sulla melanzana, o più raramente sul peperone o sul pomodoro (tutte Solanacee).
Informandosi in rete su fonti italiane e anglofone il raccapriccio pian piano diventa curiosità per poi sfociare nell’ammirazione per la prolificità e per l’adattabilità di questa creatura. Chiunque punti alla sostenibilità passando per la resilienza (con scappellamento a destra) dovrebbe avere in cameretta il poster della "nostra".
Infatti questo insetto ha mostrato in passato l’abilità di formare tolleranza verso i veleni chimici che gli venivano spruzzati addosso da schiere di bipedi sapienti che non volevano rinunciare alle patatine fritte e che per questo motivo hanno deciso di combattere la dorifora della patata (e non avevano in mente il metodo biologico o biodinamico).
1952, viene rilevata la prima tolleranza verso pesticidi di sintesi, segnatamente DDT, da allora sono molti i casi di resistenza verso moltissimi pesticidi utilizzati (piretroidi e carbammati) ma non per tutte le specie di dorifora.
Tale predisposizione potrebbe essere motivata dalla genetica predilezione per le solanacee (come molti italiani). Quest’ultime infatti non tenendoci particolarmente a esser divorate e morire producono naturalmente glicoalcaloidi ad alte concentrazioni, rendendosi indigeste per molti ma non per le dorifore che continuano a mangiare  (fino a 10 cm quadrati di foglie per giorno) sbattendosene della chimica naturale o di sintesi. In altre parole, la dorifora è un esempio di come un'insetticida non faccia altro che portare più problemi di quanti ne possa risolvere.



Anche la storia della dorifora è affascinante: viene infatti presentato un suo possibile utilizzo come arma alternativa dall’esercito americano verso quello tedesco per lasciare i crucchi senza kartoffel. Si tratta di una versione smentita da altre che parlano di una prima presenza europea della Dorifora già nella seconda metà del 1800.
Ciò che non è in discussione è la sua origine americana (l’ammericani la chiamano Colorado Potato Beetle) e la sua risalente predilezione per qualsiasi pianta che gli scienziati chiamino Solanum qualcosa.

La sua diffusione è, oramai, globale essendo presente su una superficie di almeno 14 milioni di Km2 (dati aggiornati al 1991); basti pensare che l’Impero di Alessandro Magno non arrivò nemmeno ai 6 milioni di Km2.

Abbiamo visto che una lotta con prodotti chimici di sintesi non è efficace sul lungo periodo, se si vuole comunque provare questa via è consigliabile non utilizzare mai con continuità lo stesso prodotto o prodotti della stessa tipologia ma variare per non consentire alla Dorifora una risposta agevole. Naturalmente così facendo si indebolirà la dorifora ma si finirà per distruggere un larghissimo spettro di creature per indebolirne una. Mi pare ovvio che una soluzione di questo genere non possa dirsi efficiente sul medio-lungo periodo.
Ma allora esistono dei rimedi alternativi? Come dobbiamo comportarci di fronte a tale prodigio della genetica?

- primo rimedio consigliato da più parti è la rotazione su base annuale (per chi come me si è ritrovato la dorifora sulla melanzana perchè migrata da pianta di patate vicine consiglio di saltare al punto seguente): bisogna infatti conoscere il ciclo vitale della dorifora, che sverna nel sottosuolo vicino alla pianta che l'ha sfamata nell'estate/autunno precedente. Quando la primavera arriverà con il suo tepore, la nostra si risveglierà e ricomincierà a riprodursi e a razziare le nostre solanacee. Naturalmente se abbiamo cambiato zona si ritroverà spaesata e, non trovando cibo, si sposterà o sopperirà. Tale rimedio è consigliabile anche considerando che la patata è catalogata fra i forti consumatori e pertanto anche il suolo potrà rigenerarsi con una leguminosa o a maggese.
Però su terreni di piccole dimensioni come il nostro orto spostare la solanacea amata di pochi metri potrebbe risultare comunque irrilevante.
Quanto detto vale soprattutto per la patata, dato che al momento del risveglio potrebbero già esserci piantine di patata ma difficilmente (cioè al meno di zona protetta/riscaldata) si troveranno delle melanzane, e eventuali altre solanacee presenti (forse i primi pomodori) non sembrano stuzzicare tanto l'appetito della dorifora.

- secondo rimedio trovato sul forum permies.com è la consociazione con altre piante: apparentemente aglio, cipolla e fagiolo aiuterebbero ad allontanare la dorifora dalle nostre piante. Particolarmente efficace sembra essere una pianta selvatica: il Rafano.

Edovum puttleri- terzo rimedio, e vera e propria lotta biologica, è favorire la presenza o acquistare direttamente insetti antagonisti come Edovum puttleri un imenottero originario della Colombia (contro il campione straniero dobbiamo anche noi avere un campione straniero) che infesta le uova della dorifora deponendovi le proprie uova all'interno; purtroppo questo imenottero non sembra gradire il nostro clima (alcuni tests sono stati effettuati dall'Università di Perugia) ma possiamo sempre sperare nel riscaldamento globale e giocare d'anticipo.
In Italia è risultato efficace l'uso di 2 batteri: Bacillus thurigiensis kurstaki e tenebrionis, tanto cari agli amici della Monsanto, che possono facilmente essere acquistati. Si tratta di un batterio sporigeno che in ambiente basico (come l'intestino della Dorifora) causa mal di pancia e inappetenza fino alla morte (un po' come la Tenia cantata da Elio e le Storie Tese).
Anche la Lebia grandis mangia le uova e le larve di Dorifora e, sebbene non abbia trovato fonti di suo uso in Italia, è già utilizzata in Nord America in presenza di clima simile al nostro (quindi se volete aprire un commercio potrebbe essere la vostra occasione per diventare finalmente ricchi e tristi).
O ancora la Beauveria bassiana, un fungo che parassitizza molti insetti fra i quali "il mostro della patata", oppure le microspore della Nosema Leptinotarsa.

-quarto rimedio, ma solo una fonte lo cita, sarebbe l'uso di tacchini e di faraone, grandi divoratori di dorifora. Nessun dato a riguardo e nessuna certezza che non preferiscano la verdura o gli ortaggi alla bestia della patata.

- quinto rimedio, una pesante pacciamatura. Viene consigliato su 2 fonti, sulla base di un ragionamento lineare: tu vai a dormire sottoterra? Io ti tumulo con chili e chili di sfalcio o altra materia organica così da allungarti eternamente il riposo. Pacciamature pesanti effettuate nel periodo sbagliato possono però portare a coprir troppo la terra quando dovrebbe essere scaldata dai raggi di sole primaverile, ma più in generale garantiscono una vitalità al terreno che (almeno nella speranza) dovrebbe garantire concorrenza biologica.

-sesto rimedio, utilizzare cultivar resistenti: fra le consigliate Yukon Gold o Russet Burbank (ma si tratta di varietà NordAmericane), mentre in uno studio italiano condotto nei primi anni Ottanta risultava particolarmente resistente una varietà di Melanzana chiamata "Mostruosa di New York violetta" oltre al Solanum sisymbriifolium.

-
settimo rimedio, controllo manuale: se le piante non sono molte e l'infestazione non è particolarmente grave potete procedere a raccogliere ed eliminare la dorifora manualmente. Richiede tempo ma non è difficile nè schifosa dato che la Dorifora (per ora) non emette puzza comefa, ad esempio, la cimice comune.

Fino ad ora mi sono limitato a controllare manualmente la dorifora date le poche piante e il loro numero limitato, su suggerimento di Sele, potrei provare un macerato di cadaveri di Dorifora che potrebbe allontanare con il suo odore le Dorifore ancora vive.

Fonti: Saggio di Fiume, Studio Edovum Puttleri, Permies.com, Studio Nosema Leptinotarsia, Sito dedicato alla dorifora, Studio bacillum thurigiensis

Se questo articolo ti è stato utile prenditi un po' di tempo per commentare e condividere! Spargi il seme del cambiamento!

Se pensi che siano un mucchio di vaccate e vuoi sterminare la dorifora con la chimica di sintesi... esci immediatamente e non farti più rivedere!

Ultimo aggiornamento Giovedì 09 Gennaio 2014 15:05  

Commenti  

 
-1 # Vittorio Genovese 2013-06-10 20:32
Maledette decemlineate.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # pischipi 2014-05-26 14:52
Salute a tutti,
volevo segnalare che il Bacillus thurigiensis tenebrionis (in arte Novodor, società Valent) pur essendo p.a. che ha superato la revisione europea ed autorizzato in Italia dal Ministero, non si trova in commercio. Beauveria bassiana oggi non è più registrata per Dorifora. Edovum puttleri, Lebia, Nosema hanno avuto successo in ambito universitario, ma non credo siano mai stati proposti ai produttori agricoli. Si possono invece aggiungere, per restare in ambito biologico, i diversi formulati di azadiractina e di spinosad.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Albi 2014-06-03 13:58
Visto che sono in vena di feticismo biologico, aggiungo la nota di un saggio del luogo che sostiene che anche i ramarri (e qui da noi ce ne sono moltissimi) mangino le dorifore... Basta lasciargli qualcosa da bere e loro verranno a spazzolare le dorifore mentre noi non ci siamo :-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+4 # Massimiliano 2014-07-20 05:19
Articolo veramente interessante. L'unica preoccupazione deriva dall'aver scoperto che trovare sul mercato rimedi biologici è molto più difficile di quanto si creda. Comunque grazie per i preziosi consigli.c8chp
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Francesco 2014-09-08 18:39
Un blog con i contro-cosi! Complimenti e grazi mili!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-1 # mccord sales 2014-11-13 07:53
Hey thеre would уou mind letting me know which webhost үou'rе workіng witҺ?
I've loaded your blog in 3 dіfferent browsers and I
must ѕay this blog loads a lot faster then mߋst.
Can you ѕuggest a gοod internet hosting provider аt а
fair price? Kudos, I aƿpreciate it!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Renato 2015-03-11 11:17
Le mie dorifore sono sensibili al macerato filtrato di sigari toscani ed aglio. Prima di far loro la doccia mi preoccupo di individuare nel campo le due o tre piante dove si riproducono, le riconosco per quante minuscole creature rossastre contengono. Prima cosa estirpare queste piante con garbo e andare a bruciarle lontano. Poi una bella doccia a settimana può bastare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+4 # Davide 2015-04-05 13:58
Si possono utilizzare i germogli delle patate residue dell'anno precedente: si tratta di lasciare i germogli a macero in acqua per 10/15 giorni almeno (una manciata di germogli in ca. 10/12 litri d'acqua). Appena effettuata la semina o nei giorni immediatamente precedenti irrorare il terreno con quest'acqua. Le bestiacce, allettate dall'odore escono e non trovano nulla da mangiare... la prima generazione è decimata. Uso il sistema da 5 anni e l'infestazione è sensibilmente diminuita, già dal primo anno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Sciuto Lidia 2015-05-07 12:08
anche se non espeerta,mi butto sul biologico e, ad ogni costo, anche economico,visto che nella mia città dire biologico sembra dire una brutta parola, vado a trovarmi dei fornitori di prodotti che non ci intossichino. L'aver letto il vostro articolo e la conclusione dello stessso, mi fa ritenere che sarò poco esperta,ma sono sulla strada giusta NATURALI è megli!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Paolo 2015-07-23 20:18
vorrei cortesemente sapere dove si può acquistare Edovum puttleri - per il momento tolgo la dorifera a mano ma se c'è un rimedio più efficiente e non costa tanto....grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Francesco 2015-10-15 12:24
Ho piantato 10 Kg di patate su terreno dissodato (nessuna coltura precedente), ne ho raccolti 2 Kg.
La dorifora non ha avuto tempo per arrivare: l'istrice ha fatto razia ancora prima.
Salvate pochissime piante dalla predazione del mammifero, le ho protette con pedane (pallet) posate su terreno, con le piante cresciute tra una tavola e l'altra delle pedane, che hanno permesso anche i rincalzamenti. Ho difeso poi le piante con asportazione manuale di adulti, uova e larve di dorifora, una volta arrivata.
Tutto ciò mi spinge a provare qualcosa di folle, giusto per poche piante, che comporta anche un certo costo: una protezione fisica, come ad esempio un tunell realizzato in griglia metallica (per l'istrice), eventualmente rivestito da retina (per la dorifora) ammesso che non esistano insetti impupati nel terreno sodo.
Potra' non funzionare? Certamente non fara' male all'ambiente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Michele il verde 2016-06-29 15:37
Per combattere la dorifera, studi pakistani e americani confermano l'affermazione, basterebbe piantare in consociazione la canapa da fibra.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Flora 2016-08-04 04:07
Ƭhe game rеquires that yoᥙr gadget end uup being working aat
least iOS edition 5.1.1 оr anythikng ⅼater.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Pippolo 2016-10-03 10:02
Mi sono inbattuto contro formiche volanti, ho visto che dentro l'acqua che scorre al massimo rivivacizzano, in pratica rinascono, un metodo credo che valga per tutti gli insetti e l'alcol denaturalizzato , uccide tutto, sulle formiche volanti ha funzionato, le odio le formiche volanti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # BHW 2017-04-08 10:00
It's fantastic that you are getting ideas from this post as well as from our argument made here.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # BHW 2017-04-15 12:44
When I originally commented I clicked the "Notify me when new comments are added" checkbox and now each time a
comment is added I get several emails with the same comment.
Is there any way you can remove me from that service?
Appreciate it!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Toilet Portable 2017-04-23 07:42
http://goo.gl/i1wgqL
Hi there, just became alert to your blog through Google, and
found that it's truly informative. I'm going to watch out for brussels.
I'll be grateful if you continue this in future.
Many people will be benefited from your writing.
Cheers!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # manicure 2017-05-01 09:53
Hi there mates, good piece of writing and good urging commented at this place, I am really enjoying by
these.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

ABOUT LANDESCAPE

Una raccolta di idee verdi, ricette semplici, conoscenze contadine e del passato.. tutti gli ingredienti per accelerare insieme verso una decrescita consapevole. Le nostre ultime scoperte le trovate in homepage, tutto il resto è nel blog, suddiviso per categorie (cucina, faidate, agricoltura, riflessioni)!

..NEWS LETTER..

Iscriviti alla nostra news letter per sapere quando un nuovo articolo viene pubblicato! (non useremo il tuo indirizzo per inviarti spam!)








Italian - Italy


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...